Dopo la Serrata, le casate si distinsero in alcuni gruppi. 20Sono missive chiarificatrici, che testimoniano relazioni illustri come si diceva, e contemporaneamente, raccontano attraverso quali via si stabiliva o si manteneva un contatto. Petrucci 1989 = A. Petrucci, Scrivere per gli altri, in Scrittura e civiltà, 12, 1989, p. 475-487. 82, lettera del 9 dicembre 1673 e b. Del resto anche quando Barbara dà conto a Lucio dei rapporti con i suoi numerosi corrispondenti non si ha l'impressione che cerchi scambi di cortesia, ma al contrario che affronti in maniera diretta i problemi scottanti da risolvere. Sul funzionamento della la rete postale friulana può essere utile il saggio di Sereni 1969. 70 ASUd, Torriani, b. The lowland forest Alvisopoli and the educational environmental center are part of the park of the villa. 27Oltre alla rete di legami che vede Barbara figura centrale per la liberazione del genero Carlo, dalla corrispondenza dei Della Torre affiorano altri motivi che generano relazioni intra ed extra familiari e che vedono il ruolo attivo e partecipe di molte donne della famiglia. 83 Sulla particolare rappresentazione della parentela tramite gli alberi genealogici, in particolare sullo squilibrio tra uomini e donne, si veda Klapisch-Zuber 1994. Nella Patria del Friuli la nobiltà friulana gode di prerogative più limitate e non può partecipare alle cariche di governo che spettano ai patrizi veneziani ; Gorizia invece – capoluogo della Contea – offre migliori opportunità e lo stesso Capitano, massima autorità di governo, può essere un nobile locale. Non erano loro i candidati, ma il padre Bandino; morto quest'ultimo il giorno prima della votazione, si decise di assegnarne il titolo ai figli. 24Un aspetto da rilevare è che al Miller fosse concesso di parlare direttamente con il prigioniero. 12Prima di addentrarci nell’analisi dei legami di Barbara è però importante soffermarci a considerare i luoghi in cui abitualmente risiede, Gorizia e il castello rinascimentale di Dobra in terra asburgica18, entrambi lontani dalla famiglia d'origine, da Graz dove Carlo è rinchiuso, da Lucio che risiede nel castello di Villalta in territorio veneto. (Venerii). 19Barbara comunque non si limita a tenere le fila delle relazioni parentali ma travalica spesso quest'ambito per trovare appoggio a Vienna tramite personaggi illustri, ben accreditati presso la corte. 73, lettera del 12 novembre 1630. Function: _error_handler, File: /home/ah0ejbmyowku/public_html/application/views/page/index.php Ai gesuiti non viene delegata solo la trasmissione di lettere ma essi vengono scelti come persone di fiducia (di Carlo, per esempio) per svolgere alcune ambascerie. Lo farà spesso in maniera indiretta insistendo con Lucio affinché scriva agli zii per mantenere vivi i contatti, usando la corrispondenza non tanto come strumento di comunicazione mirata ma come mezzo di conservazione delle relazioni. Gorian 2009 = R., Dragogna Matteo, in C. Scalon, C. Griggio, U. Rozzo (a cura di), Nuovo Liruti. 61 ASUd, Torriani, b. Lucio, il figlio di Carlo, contrarrà un matrimonio dalla valenza fortemente politica (per sancire una pace dopo una faida tra famiglie della nobiltà locale) sposando Silvia della famiglia goriziana dei Rabatta67. 37 ASUd, Torriani, b. Va comunque rivista la lettura schematica di un modello storiografico, ormai inadeguato, che riconduceva la nobiltà su posizioni filoveneziane o filoimperiali fortemente contrapposte ; posizioni che appaiono agli studi più recenti invece assai sfumate per l'intreccio di interessi economici e di alleanze familiari7. A cura di è Frangipane Giorgio Aldrighetti, Marino Zorzi, Leopoldo Mazzarolli e Italo Quadrio. Essere patrizi veneti era un onore per tutta la nobiltà europea ed era comune tra principi e re chiedere ed ottenere il titolo di N.H.; furono patrizi veneti, tra gli altri, i re di Francia, i Savoia, i Mancini, i Mazzarino, i Rospigliosi, le famiglie papaline degli Orsini e dei Colonna. In particolare, le reti che Barbara attiva in relazione ad un particolare evento consentono una prospettiva di lettura non convenzionale delle vicende politiche della nobiltà di confine, quello che divide da un lato la Contea di Gorizia, territorio friulano ma politicamente parte dell'Austria interna e, dall'altro, il Friuli soggetto alla Repubblica di Venezia. Dopo un primo periodo di solerte attività, Germanico lamenterà i costi del sostegno parentale – il fatto di dover trascurare i propri obblighi ecclesiastici, l'evenienza di dover vivere fuori casa38 – mostrando quindi una tensione pericolosa, una fragilità dei rapporti fraterni, che Barbara cercherà sempre di ricucire. 93 Lettera conservata nell'Archivio Capitolare di Udine (ACU), fondo Bini, b. XVI, lettera del 16 giugno 1714. 11Il migliaio di lettere consultate consente di rilevare una pratica di scrittura molto diffusa, quasi pervasiva, delle donne di casa. b. Qualche giorno più tardi Barbara lo informerà dell'incontro con queste parole : « [...] Or ora sono ritornata et o fatto tuto quello che mia in posto piacia a dio che li miei offici portino bon frutto [...] sua Eccellenza si schusa non aver autorita se non per il sempize omagio, che non manchara al suo arivo di in formar sua maesta che voria potere con il sengue steso achomodar questi in teresi esendo tanto servitor della casa [...] », ASUd, Torriani, b. 88 Sul fenomeno della delega di scrittura rimando a Petrucci 1989. La storia politica e sociale, Udine, 1998. Carlo diventa Capitano di Gorizia nel 1667 nonostante, a quella data, si sia già macchiato di gravi delitti11. 24 « [...] che la mia Leonora abia dato prencipio all sonar di chitara fara per asomilliare al padre suo che quando li negoci sui non andavano di suo gusto dava di mano all liuto, overo a ballare, e cosi andava tenperando il mall in fluso che teneva dentro il core [...] », ASUd, Torriani, b. Una città italiana nell'impero degli Asburgo, Mariano del Friuli, 1999, p. 37-57. Il manoscritto originale è conservato a Gallarate presso l'Archivio della Provincia Lombarda della Compagnia di Gesù ma l'Istituto di Storia Sociale e Religiosa di Gorizia ne conserva una copia che è quella che ho consultato. in pratica creazione di un'aristocrazia "politica" e di servizio, capace collettivamente di governare la città e l'impero); vi erano poi alcune questioni di ispirazione illuministica, come l'opposizione allo spionaggio interno, la libertà di parola, la difesa e ripresa dei commerci ecc. 77, lettera del 17 febbraio 1650. Infatti, in una lettera da Graz del 14 giugno 1672 Germanico, fratello di Carlo, avvisava Lucio che il padre rimaneva in carcere non tanto per la questione del Tattenbach quanto per avere molti avversari che temevano la sua libertà. XIII-XVIII, Firenze, 1990, p. 329-344. Diverse tipologie di occasione permettono di inquadrare la partecipazione alle attività della famiglia. 2Le vicende a cui faccio riferimento si svolgono a cavallo di un confine militarmente importante sul quale si confrontano due sistemi politici differenti4. Privilegio concretato col diritto per ciascun membro maschio delle famiglie nobili, a partire dalla maggiore età, di partecipare alle sedute. This page was last edited on 7 January 2019, at 07:14. Motivi concreti, ad esempio. Il vantaggio di questa mobilità è rilevato dalle numerose lettere che con l’appoggio e per il tramite di padre Miller o di padre Crusilla – figure citate nell’ Historia collegii goritiensis,51 – Barbara ha modo di scambiare con alcuni corrispondenti che la tengono informata sugli sviluppi della vicenda : notizie alle quali, molto spesso, hanno facilità di accesso nel corso dei loro viaggi per le terre asburgiche. WikiZero Özgür Ansiklopedi - Wikipedia Okumanın En Kolay Yolu . (a cura di), I religiosi a corte. L'aristocrazia nel XV e XVI secolo era molto numerosa, un elevato tasso di natalità tra la nobiltà, unito alla professione mercantile (e di mercante-imprenditore) intrapresa da una parte cospicua di questo ceto, comportava un governo aristocratico ampio e dai variegati interessi, in cui i nobili poveri erano una minoranza, mentre numerose erano le vicende di mobilità sociale interne al ceto, i rapidi arricchimenti nei commerci con l'oriente e nelle nuove manifatture impiantate in laguna. Assieme ad altre forme di comunicazione sociale, anche la lettera svolge una funzione primaria diventando mezzo privilegiato della socialità aristocratica e adeguandosi a canoni stabiliti sia comportamentali (non è necessario aver qualcosa di essenziale da comunicare ma è indispensabile scrivere con assiduità ai propri corrispondenti come manifestazione di cortesia) che grafici (chi scrive deve mostrare padronanza della scrittura e delle norme compositive ad essa sottese). Divenuto per secoli quasi inaccessibile, il corpo nobiliare riprese ad aprirsi a nuove famiglie, quando, con il declinare della potenza veneziana, lo Stato prese a "vendere" il titolo (a 100.000 ducati) per riempire le casse pubbliche, non più sostenute dai ricchi commerci con l'Oriente.

.

La Fidanzata Di Papà Canzoni, Nuovo Look'' In Inglese, La Finestra Treviso, Santa Carla America, 13 Dicembre 1958, Pizze Gusti Buoni, Quartiere San Lorenzo Roma Opinioni, Tha Supreme Va A Scuola', Primario Ortopedia Garibaldi-nesima Catania, Meteo 3b Caltagirone,